• Mano Zampa

Zooantropologia didattica

La Zooantropologia nasce tra la fine degli anni ’70 e gli inizi degli anni ’80 con l’obiettivo di modificare la concezione zootecnica dell’animale secondo cui questo era un essere inferiore dotato solamente di valore utilitaristico / economico (animale da macello, soma, ...) in una concezione per cui l’animale è altro da conoscere e rispettare.

La ZOOANTROPOLOGIA DIDATTICA, è una disciplina che, attraverso la relazione bambino-animale, cerca di stimolare alcune particolari aree dello sviluppo infantile e pre-adolescenziale. Facendo leva sulla (spesso) naturale attrazione che i bambini provano nei confronti degli animali, i progetti di zooantropologia didattica cercano di fornire delle esperienze e delle conoscenze in grado di stimolare empatia, senso di responsabilità, interesse per la diversità, autostima, acquisizione degli autocontrolli.

E’ importante definire subito gli obiettivi principali della zooantropologia didattica:

  • Educare i ragazzi al rispetto della diversità degli animali attraverso la conoscenza delle loro caratteristiche e dell’importanza della multiformità in natura
  • Dare contributi educativi ai ragazzi attraverso l’esperienza e il rapporto con la diversità

caduceo